In questo articolo troverai 10 imperdibili attrazioni da fare e vedere gratis durante un soggiorno a Bruxelles, la città simbolo dell’Unione Europea.


Bruxelles: la città del cioccolato, della birra e dei waffles. La capitale che ha fatto della multiculturalità uno dei suoi maggiori pregi. Quante cose ancora si potrebbero dire su questa bellissima città, cuore del parlamento europeo. Eppure viene spesso messa da parte in favore di altre mete più rinomate, come Parigi o Amsterdam, forse perchè ritenuta meno carismatica o meno attraente.

In realtà la capitale belga è ricca di cose da scoprire, anche senza spendere un euro. Quindi, se stai organizzando il tuo prossimo weekend low cost a Bruxelles, ti consiglio di non farti scappare queste fantastiche attrazioni gratis.

Entrare gratis nei musei di Bruxelles

La capitale belga è una città ricca di musei di ogni tipo, da quelli dedicati al folklore locale ai prodotti tipici, come la birra e il cioccolato.

Se vuoi abbinare la cultura al risparmio, sarai contento di sapere che alcuni musei di Bruxelles possono essere visitati gratis. Per sapere quali sono e dove trovarli, ti consiglio di dare un’occhiata a questo link.

Visitare le chiese

Se anche tu sei affascinato dalle bellezze architettoniche degli edifici religiosi, qui troverai pane per i tuoi denti. Infatti a Bruxelles ci sono molte chiese in cui è possible entrare gratis, per godersi l’atmosfera di pace che si respira in questi luoghi.

Tra quelle che meritano una visita, ti consiglio in particolare Notre Dame du Sablon e la Cattedrale di San Michele e Santa Gudula.

Fotografare le statue che fanno la pipì

Come per le statue di Bratislava, anche a Bruxelles queste opere godono ormai di una certa fama, tanto da essere considerate delle vere e prorie attrazioni da vedere gratis in città.

La più conosciuta è quella del Manneken Pis, il bambino che fa pipì dentro una fontana tra Rue de l’Etuve e Rue du Chêne. Esistono diverse leggende sulla sua origine, ma la più accreditata è che il piccolo stesse cercando di spegnere un incendio con l’unico “mezzo” che avesse a disposizione in quel momento.

Ormai questa statua è talmente famosa da essere diventata uno dei simboli della città e, come una vera star, ha anche il suo guardaroba personale. Infatti, durante speciali ricorrenze, il bambino viene agghindato con diversi vestiti, che gli sono stati regalati negli anni dai presidenti esteri in visita a Bruxelles. Il suo prezioso guardaroba conta più di 650 capi ed è conservato nel Museo della Città, presso la Maison du Roi.

La statua del Manneken Pis è una delle cose più irriverenti da vedere gratis a Bruxelles

La seconda è la Janneken Pis, cioè la statua di una bambina accovacciata, intenta a svuotarsi la vescica in Impasse de la Fidélité, una traversa in cui si trovano alcuni dei locali più frequentati della città.

La più recente, infine, è quella di Zinneke Pis, un cane intento ad espletare i suoi bisogni su un palo, all’angolo tra Rue des Charteux e Rue du Vieux Marchè aux Grains.

Imparare la storia dell’Unione Europa al Parlamentarium

In questo centro visitatori, potrai conoscere tutto il percorso storico e politico che ha portato alla nascita dell’Unione Europea, così come la conosciamo oggi. Al suo interno si trovano infatti diverse mostre interattive che spiegano il funzionamento del parlamento europeo e raccontano alcune curiosità sui deputati e gli stati membri. Il tutto disponibile in più di 20 lingue differenti, per agevolare i visitatori.

Qui puoi trovare tutte le informazioni sulla struttura, dagli orari di visita ai percorsi didattici dedicati alle famiglie e alle scolaresche.

Ammirare gratis la Grand Place di Bruxelles

La Grand Place è una delle cose più importanti da vedere a Bruxelles

E’ la piazza principale di Bruxelles, nonchè una delle più belle attrazioni da vedere gratis in città, tanto da essere inserita nella lista dei Patrimoni dell’Umanità dell’Unesco.

La sua storia ha inizio intorno all’XI secolo, quando qui sorse il primo mercato, attorno al quale vennero costruite le case delle corporazioni. Questi edifici rappresentavano le classi sociali in cui la città era divisa durante il periodo medievale.

Nel 1695 venne quasi completamente distrutta dai bombardamenti francesi, ma in pochi anni venne ricostruita cercando di ridare agli edifici il loro stile originale.

I palazzi più famosi sono l’Hotel de Ville, sede del comune, la Maison du Roi, sede del museo della città, la Maison des Ducs de Brabant e Le Pigeon, la casa in cui Victor Hugo visse durante il suo esilio in Belgio.

Perdersi nelle sale del Palazzo Reale

Secondo una tradizione risalente al 1965, ogni anno il palazzo delle famiglia reale apre le sua porte ai visitatori.

Dal 21 luglio, giorno di festa nazionale, fino ai primi di settembre è infatti possibile entrare gratis in quella che una volta era la residenza ufficiale della monarchia di Bruxelles, per poter ammirare da vicino le bellezze e i tesori contenuti nelle sale del palazzo.

Oggi nell’edificio si svolgono gli incontri ufficiali del re con i politici stranieri. La famiglia reale, invece, vive nel palazzo di Laeken, in una zona più periferica della capitale.

Rilassarsi nei parchi pubblici

In città non mancano i parchi dove rilassarsi o fare una passeggiata in mezzo alla natura. I più famosi sono il Parco di Bruxelles, che si trova davanti al Palazzo Reale, e il Parco del Cinquantenario.

In quest’ultimo si trova l’omonimo Palazzo del Cinquantenario, un edificio costruito nel 1880 in onore dei primi 50 anni di indipendenza del Belgio dall’Olanda. La struttura ha una forma a ferro di cavallo e al centro presenta un grande arco di trionfo, identico alla Porta di Brandeburgo di Berlino. Ai due lati dell’edificio si trovano invece il Museo dell’Esercito, quello di Arte e Storia e Autoworld, un’affascinante mostra di auto d’epoca.

Passeggiare nelle gallerie reali di Saint Hubert

Interno delle gallerie reali di Saint Hubert

Queste costruzioni vennero costruite nel XIX secolo e sono considerate le prime gallerie commerciali costruite in Europa. Vennero realizzate dall’architetto Cluysenaer, per evitare alla monarchia belga di dover passare nei quartieri più poveri per recarsi in centro. Sono anche conosciute con il soprannome di “ombrello di Bruxelles“, perchè gli abitanti le usano spesso come scorciatoia per muoversi in città durante i giorni di pioggia.

Le gallerie sono divise in tre zone: la Galleria della Regina, la Galleria del Re e la Galleria dei Principi. Messe insieme sono lunghe circa 200 metri e ospitano numerosi negozi, boutique alla moda, caffetterie e ristoranti.

E’ una delle zone più frequentate sia dai turisti che dagli abitanti, che vi si recano per passeggiare e ammirare le vetrine.

Partecipare ad un Free Walking Tour

Come in altre capitali europee, anche a Bruxelles ha preso piede il fenomeno dei free walking tour, cioè giri turistici gratis in compagnia di una guida locale.

Se ne hai già sentito parlare e vorresti provare questa esperienza, ti consiglio di dare un’occhiata a questi siti:

Conoscere la biodiversità di Bruxelles gratis

L’orto botanico di Bruxelles si trova nella periferia della città ed è uno dei più grandi in Europa. Al suo interno sono ospitate centinaie di specie botaniche differenti, tra cui alberi secolari, piante esotiche e officinali.

Per completare la mostra, è presente anche una sezione dedicate all’origine e all’evoluzione della vita sulla Terra.


Spero che l’articolo ti sia stato utile. E tu, conosci qualche altra attrazione da vedere gratis a Bruxelles? Se ti va, fammi sapere cosa ne pensi lasciando un commento.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.