Sei in Home » Viaggi » Cinque Terre in treno: ecco come visitarle senza intoppi

Cinque Terre in treno: ecco come visitarle senza intoppi

by Francesca

Dalle card turistiche ai biglietti a tariffe agevolate: ecco tutti i consigli per visitare le Cinque Terre in treno


Spostarsi in treno nel parco nazionale delle Cinque Terre è un’esperienza che chiunque dovrebbe provare almeno una volta nella vita.

Grazie alla convenzione tra il parco e Trenitalia potrai visitare i pittoreschi borghi di Riomaggiore, Manarola, Corniglia, Vernazza e Monterosso, senza lo stress di guidare e trovare parcheggio.

Infatti le stazioni si trovano a pochi minuti di distanza l’una dall’altra e i treni percorrono la tratta con regolarità, rendendo la ferrovia una scelta ottimale per spostarsi all’interno del parco.

Se stai pensando di usare questo mezzo di trasporto, in questo articolo troverai tutti i consigli per visitare le Cinque Terre in treno.

stazione di Corniglia, uno dei borghi che si possono raggiungere usando la card turistica per muoversi in treno

Come visitare le Cinque Terre in treno

Per muoversi in treno all’interno delle Cinque Terre esistono due modi: acquistare la Treno MS Card o salire sul treno turistico Cinque Terre Express.

Con la Treno MS Card avrai diritto ad un numero di viaggi illimitati in seconda classe sui treni regionali che operano sulla tratta Levanto-La Spezia. Inoltre, potrai anche utilizzare gratuitamente i bus che collegano internamente i paesi e la navetta della stazione di Corniglia. Per conoscere tutti i vantaggi di questo pass e dove acquistarlo leggi il mio articolo sulle Cinque Terre Card.

Con il treno turistico Cinque Terre Express invece, potrai viaggiare in seconda classe lungo la tratta Levanto-La Spezia al prezzo speciale di 5 euro per gli adulti e 2,5 euro per i ragazzi. La differenza con la Treno Card è che il biglietto vale per un solo viaggio e non sono permesse soste intermedie.

Se vuoi visitare il parco spostandoti in treno, l’opzione migliore è acquistare la Treno MS Card. Infatti, in questo modo potrai scendere e salire dai treni tutte le volte che vorrai durante il corso della giornata.

Cinque terre in treno: gli svantaggi

Purtroppo scegliere di visitare le Cinque Terre in treno ha i suoi lati negativi. Infatti, quasi tutti i turisti decidono di non usare la macchina, in quanto i pochi parcheggi presenti sono quasi sempre al completo. Di conseguenza la gente si riversa in massa nelle stazioni, per niente attrezzate per gestire un flusso elevato di persone.

Per questo motivo, nei periodi di maggiore affluenza l’accesso ai treni viene monitorato da un servizio di vigilanza e si possono creare delle code anche molto lunghe per entrare o uscire dalla stazione. Per non parlare poi della difficoltà a salire sui vagoni, spesso stracarichi di persone nei weekend della bella stagione.

Perciò se decidi di usare il treno per muoverti all’interno delle Cinque Terre, devi essere preparato anche ad incappare in situazioni poco piacevoli. Se vuoi sapere come evitarle e goderti la tua visita al parco, nel prossimo paragrafo ti darò qualche consiglio pratico per muoverti in treno nelle Cinque Terre.

LEGGI ANCHE

Consigli utili per visitare le Cinque Terre in treno

Scegli il posto più panoramico

Purtroppo la maggior parte del tragitto passa attraverso delle gallerie che nascondono il paesaggio. Al contrario, durante le soste nelle stazioni si possono vedere degli scorci davvero suggestivi.

Per ammirarli in tutta la loro bellezza, ti consiglio di sederti a sinistra se viaggi da La Spezia verso Levanto e a sinistra se ti muovi nella direzione inversa.

Evita le ore critiche

Un altro consiglio che voglio darti è quello di partire la mattina presto. In questo modo avrai qualche ora di vantaggio per goderti il parco senza troppi turisti in giro.

La seconda dritta è di evitare di visitare le Cinque Terre in treno durante il pomeriggio. Infatti, la seconda metà della giornata è il momento dove la maggior parte delle persone decidono di visitare il parco.

In ultimo, se ne hai la possibilità, cerca di dedicare alla scoperta del parco almeno un paio di giorni. In questo modo potrai visitare i paesi con calma ed evitare le ore critiche, decidendo ad esempio di viaggiare sui treni solo di mattina.

Muoviti nella giusta direzione

Se parti da La Spezia ti consiglio di iniziare il viaggio dalla stazione più lontana (in questo caso Monterosso) e poi avvicinarti gradualmente. Se hai più giorni a disposizione puoi partire da Corniglia e scendere a ritroso fino a Riomaggiore. Il secondo giorno potrai visitare tranquillamente i borghi rimasti.

Al contrario se parti da Levanto puoi scegliere di partire da Vernazza per poi passare a Monterosso. Così facendo, ti muoverai nella direzione opposta alla massa ed eviterai gli orari di punta.


Spero che l’articolo su come visitare le Cinque Terre in treno ti sia stato utile. E tu hai mai provato questa esperienza? Raccontami com’è andata lasciando un commento.

Potrebbe interessarti anche

2 comments

Arianna Maggio 27, 2020 - 2:06 pm

grazie, articolo molto utile… decisamente più utile del pessimo sito Trenitalia 🙁 Ma che follia è questo 5 Terre Express? Non riesco a capirne l’utilità…

Reply
Francesca Luglio 3, 2020 - 2:49 pm

Ciao Arianna,
Sinceramente non lo capisco nemmeno io 😅 spero che l’articolo ti abbia dato le risposte che cercavi

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.