Ti piace l'articolo? Condividilo!

Hai mai sentito parlare di Free walking tour? No? Allora è arrivato il momento di scoprire cos’è. Come? Dai un’occhiata a questo post.


Un Free walking tour è esattamente quello che ci aspetterebbe traducendo questa frase in italiano: un tour a piedi gratis. Ma non farti ingannare, non si tratta di semplici passeggiate in compagnia a zonzo per la città. Un free walking tour ti offre molto di più. Ma vediamo più nel dettaglio come funziona.

Cosa si intende per Free Walking Tour?

Un free walking tour è un giro turistico gratuito che si svolge in gruppi più o meno numerosi. Durante queste gite i turisti vengono accompagnati da una guida esperta del luogo, che mostrerà loro la città. Cosa cambia tra questo e un tour turistico tradizionale? Che il secondo lo paghi (a volte con prezzi esagerati) mentre il primo è gratuito.

Sì, hai capito bene. Per partecipare a uno di questi giri turistici non dovrai pagare un prezzo fisso. L’idea dei free walking tour, infatti, è basata sui tips, cioè sulla mance. Alla fine del tour, le persone che vi hanno preso parte possono decidere liberamente quanto dare alla guida, in relazione a quanto hanno gradito l’esperienza. Quindi, non esiste un costo prestabilito: puoi decidere di pagare due, tre, cinque, 10 euro a seconda di quanto vuoi (o puoi) spendere.

In realtà, sei libero anche di non pagare affatto. A me è capitato di vedere persone non soddisfatte allontanarsi durante il tour o sgattaiolare via al momento della consegna delle mance, approfittando della confusione. In linea di massima, questo sarebbe un atteggiamento da evitare. Meglio dare una mancia meno generosa, ma ripagare almeno in parte lo sforzo di queste persone, che ce la mettono tutta per trasmettere le loro conoscenze e la loro passione per il territorio.

Come funziona un Free walking tour?

Innanzitutto devi trovare il sito di un associazione che organizza questi tipi di giri turistici. Una delle più conosciute è il Sandemans New Europe, che organizza tour in quasi tutte le capitali europee, ma esistono anche realtà locali molto valide. Per trovarle, ti basterà digitare su Google la frase “free walking tour” seguito dal nome della città che vuoi visitare. Un altro sito abbastanza conosciuto per prenotare tour gratuiti in tutto il mondo è Freetour.com.

Individuato il sito, dovrai scegliere il tipo di tuor a cui vuoi partecipare. Infatti, l’offerta è molto varia e spazia dagli itinerari classici a quelli a tema, con una durata variabile tra una e tre ore a seconda del giro.

Una volta che ti sei fatto un’idea più chiara sull’offerta, dai un’occhiata alle informazioni specifiche, come l’ora, il giorno e la lingua del tuor a cui sei interessato. Di solito gli itinerari si svolgono in inglese per permettere ai turisti di ogni parte del mondo di prendervi parte, ma in alcuni casi sono disponibili anche in altre lingue.

Cosa cambia tra un Free walking tour e le gite turistiche tradizionali?

Onestamente, prima di conoscere questa realtà, non avevo mai partecipato a dei tour tradizionali. Il motivo? Li ho sempre trovati troppo costosi e con nozioni che avrei potuto benissimo leggere anche da una guida cartacea o su internet.

Con un free walking tour, invece è diverso. In questi casi le guide sono persone del luogo che vivono la città ogni giorno e ne conoscono i valori, la storia, le tradizioni. Insomma, fare un free walking tour è come farsi prendere per mano da un amico che ti mostra la città in cui vive, svelandoti tutti i suoi segreti e gli angoli più nascosti.

Infatti, le guide forniscono sempre un sacco di consigli e indicazioni su come trascorrere il tuo soggiorno come una persona del luogo e non come un semplice turista. Il bar dove trovare la birra migliore al minor prezzo, gli scorci panoramici più suggestivi, le attrazioni più interessanti: queste e molte altre ancora sono le cose che ti capiterà di sentire, se partecipi ad uno dei questi tour.

persone che parlano ad un ragazzo che regge un ombrello rosso con la scritta Free Tour
foto by byronv2 on Flickr

Com’è la qualità di questi tour?

Partendo dal presupposto che non ho molti termini di paragone con gli itinerari turistici tradizionali, posso comunque dire che la qualità di questi tour è ottima. Questo sia per l’atmosfera molto amichevole e informale che si crea durante il giro, sia per la qualità delle informazioni fornite dalle guide.

Ovviamente, a volte capita anche di trovare persone che, nonostante ci provino, non riescono minimamente a coinvolgerti nel loro racconto. Ma, fortunatamente, sono casi rari. Ad esempio, io ho partecipato a diversi free tour durante i miei viaggi interrail e solo in un paio di casi sono rimasta delusa dalla persona che ci ha accompagnato nel giro.

Infatti il guadagno di queste guide locali si basa tutto sulle mance che ricevono a fine giro. Per questo motivo, sono sempre molto entusiate e motivate: sanno benissimo che devono garantire ai partecipanti un’esperienza unica e coinvolgente. Altrimenti il rischio sarà quello di ritrovarsi con mance molto scarse o persone che abbandonano il tuor prima che sia finito.

Come si fa a partecipare ad un Free walking Tour?

Come dicono molte di queste associzioni sul loro sito: just show up! Infatti, per partecipare a uno di questi tour non occorre prenotare: ti basterà presentarti in un luogo preciso all’orario comunicato sul sito. A volte alcune di queste associazioni chiedono la prenotazione per gruppi numerosi o per tour particolari, ma viene sempre specificato prima.

Una volta arrivato sul posto all’ora concordata (meglio se con almeno 10 minuti di anticipo) dovrai individuare la guida. Ma non preoccuparti, la riconoscerai al volo. Guardati intorno e cerca di vedere se nella folla c’è qualcuno che tiene in mano un ombrello o un cartellone con la scritta Free Tour. L’hai vista? Ecco quella è la persona che stai cercando! A questo punto dovrai solo avvicinarti a lei e dirle che vorresti prendere parte al tuor.

E in Italia?

Da qualche anno anche l’Italia ha deciso di mettersi al passo con l’evoluzione che ha sta segnando il settore turistico. Infatti, dal 2017 è nata l’associazione Free Walking Tour Italia che riunisce tutte le realtà locali che organizzano tuor gratuti nelle loro città.

Il progetto è partito con la realizzazione del primo Free walking tour a Modena nel 2016, nato dalla passione e dall’impegno di tre ragazzi del luogo. L’esperienza ha avuto un esito molto positivo, tanto da spingere altre realtà nostrane a prendere spunto da questa iniziativa.

Oggi sono circa una ventina le città italiane che organizzano dei tour gratuiti, ma ci sono buone probabilità che questo numero aumenti in futuro.

Conclusione

Ci sono diversi motivi che spingono le persone a partecipare ad un free walking tour. L’atmosfera amichevole, le guide preparate e il sistema tip-based sono solo alcuni dei fattori che hanno reso celebri questi tour. Quello che fa veramente la differenza sono le persone che ti guidano, facendoti ammirare la città con gli occhi di chi la vive ogni giorno.

Quindi se stai organizzando una vacanza in qualche meta culturale, segui il mio consiglio e prova questa esperienza. Sono sicuro che non rimarrai deluso.


Spero che questo articolo ti sia stato utile. E tu, hai mai partecipato ad un free walking tour? Hai notato qualche altra differenza tra questo e un tour turistico tradizionale? Raccontami la tua esperienza lasciando un commento. Sono molto curiosa di conoscere il tuo punto di vista sull’argomento.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.