I laghi di Cancano sono delle dighe artificiali immerse in un’area naturale di sorprendente bellezza: una meta ideale per passare una giornata in mezzo alla natura.


Acque turchesi in cui si specchiano le ombre delle nuvole, circondate dalle vette aguzze delle montagne: così i laghi di Cancano si presentano agli occhi dei visitatori. L’area che circonda i laghi regala scenari di incredibile bellezza, tanto da essere una delle mete più apprezzate dai turisti durante una vacanza in Valtellina.

Con l’espressione laghi di Cancano si intendono, in realtà, due bacini idrici distinti: quello di San Giacomo e quello di Cancano. Il primo è alimentato dal canale Spòl, dai torrenti Alpe, Gavia, Frodolfo, Zebrù, Braulio e Forcola e dal fiume Adda. La diga di Cancano, invece, riceve le acque del torrente Viola e della diga di San Giacomo.

La portata totale di entrambi i bacini è di circa 187 milioni di metri cubi di acqua, che viene impiegata per alimentare la centrale elettrica di Premadio, nel comune di Valdidentro.

vista della diga di Cancano in Valtellina

Storia

La diga di Cancano venne costruita tra il 1925 e il 1933, per mettere in funzione la centrale elettrica di Fraele. Terminati i lavori, però, l’invaso si rivelò insufficiente, rendendo necessaria la costruzione di un’altro bacino.

Così, tra il 1953 e il 1956, la diga venne ampliata per far fronte alla crescente richiesta di elettricità. Con la realizzazione della nuovo bacino, la vecchia centrale elettrica e lo sbarramento vennero sommersi. Oggi è possibile vederli quando l’invaso non è completamente pieno.

la strada per arrivare ai alghi di Cancano in Valtellina
Vista dalle torri di Fraele

leggi anche COSA VEDERE D’ESTATE IN VALTELLINA


Come arrivare ai laghi di Cancano

Per raggiungere i laghi basta seguire la strada che collega Bormio a Livigno e deviare nei pressi della città di Premadio, seguendo le indicazioni per le Torri di Fraele.

Durante il periodo estivo, il perimetro dei laghi di Cancano viene chiuso al traffico automobilistico. Perciò, se usi la macchina potrai parcheggiare nei pressi delle Torri di Fraele, oppure nei posti auto tra la Palazzina A2A e il Rifugio Monte Scale, pagando un sovrapprezzo di 5 euro.

Durante questo periodo è disponibile anche un servizio navetta per fare il giro dei laghi, al costo di 1 euro a persona. L’autobus parte dal parcheggio della Palazzina A2A e i biglietti possono essere acquistati direttamente dall’autista.

Se preferisci muoverti con i mezzi pubblici, puoi facilmente raggiungere i laghi con il bus della società Perego, in partenza da Bormio (qui il link con gli orari e le fermate).

Lago Scale

Giro dei laghi di Cancano

Una volta arrivati al posteggio si può iniziare il giro. Se hai lasciato la macchina al posteggio delle Torri di Fraele, ti basterà seguire il percorso fino al Rifugio Montescale, costeggiando il lago, o prendere la navetta.

Una volta arrivati al rifugio, l’opzione migliore è quella di scendere verso la diga di Cancano. Una volta attraversata, dovrai percorrere un breve tratto in salita (l’unico in tutto il percorso), fino ad arrivare ad un bivio con le indicazioni per il Rifugio Solena e la Chiesa di Sant’Erasmo.

Passato il bivio, prosegui sempre dritto fino ad arrivare ad una strada sterrata, chiusa al traffico. Da qui ti basterà seguire il percorso che costeggia il lago fino al Rifugio Val Fraele. Una volta arrivato, puoi scegliere se proseguire facendo il giro del lago San Giacomo o se attraversare la diga per arrivare sull’altra sponda e terminare il giro ad anello.

L’escursione completa dei laghi di Cancano prevede un percorso circolare intorno ad entrambi i bacini, per un totale di circa 4/5 ore, a seconda dell’andatura. Per avere un’idea del giro, puoi dare un’occhiata alla cartina in PDF del percorso.

Il percorso è davvero semplice ed è percorribile facilmente anche da famiglie con bambini piccoli. Lungo il cammino potrai trovare anche diverse aree attrezzate dove potrai fermarti a fare un pic nic, ammirando il panorama.

Uno dei rifugio lungo il percorso che circonda i laghi di Cancano in Valtellina
Rifugio Val Fraele

Altri percorsi

Partendo dai laghi di Cancano, è possibile effettuare anche altre escursioni. Dalle Torri di Fraele si può raggiungere la Croce del Monte Scale seguendo la mulattiera N197.1, più impegnativa, o il sentiero N197.

Partendo invece dalla diga di San Giacomo, si possono percorrere i sentieri N138 e N138.1 della Val Alpisella, fino a Livigno.


Spero che l’articolo ti sia stato utile. E tu, hai mai visitato questi incantevoli laghi? Se ti va, raccontami al tua esperienza lasciando un commento.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.