Viaggia verso il lago di Como e la Brianza con il Lario Express, il treno storico che percorre la tratta da Milano a Lecco.


Il Lario Express è un treno a vapore di tipo centoporte che percorre la tratta da Milano a Lecco, con una fermata intermedia a Como.

Il servizio è offerto dalla Fondazione FS, una società che si occupa di preservare e valorizzare il valore storico delle ferrovie italiane, con la collaborazione della Regione Lombardia.

Lario express: da Milano a Lecco con  il treno storico
Locomotiva a vapore del Lario Express

A bordo del Lario Express

Il treno ha due tipi di vagoni: uno più antico risalente agli anni 30 e uno più nuovo, costruito intorno agli anni 50. La parte più vecchia è composta da carrozze che venivano usate anche per trasportare i feriti durante la seconda guerra mondiale. Nella parte più nuova, invece, si trovano carrozze a scompartimento, rimaste in funzione fino agli anni 90.

In alcuni vagoni sono presenti dei bagni che funzionano ancora con il vecchio sistema di scarico a caduta (perciò, tutto quello che “produci”, finirà direttamente sui binari durante la corsa).

Il viaggio è allietato dalla presenza dei volontari dell’Associazione Ferrovie Turistiche Italiane (convenzionata con la Fondazione FS Italiane), disponibili per fornire spiegazioni e informazioni storiche sul treno.

Lario express: da Milano a Lecco con  il treno storico
Carrozza centoporte

leggi anche DISCOVERY TRAIN: L’OFFERTA TRENORD PER SCOPRIRE I LAGHI DELLA LOMBARDIA


Percorso del Lario Express

Il treno parte da Milano Centrale, fermandosi alla stazione di Como San Giovanni e infine a Lecco.

Durante il primo tratto da Milano a Como, il treno viene trainato da una locomotiva elettrica, poichè passa sulla rete ferroviaria internazionale. In questa tratta attraversa i comuni di Monza, Lissone-Muggio’, Desio e Seregno.

Una volta arrivato a Como, il treno si ferma in stazione per circa 5 ore, per riprendere la corsa nel primo pomeriggio. In questo lasso di tempo, i passeggeri possono approffitarne per scoprire la città. Per chi fosse interessato, c’è anche la possibilità di navigare il lago di Como fino a Varenna o Cernobbio, per poi prendere un altro treno regionale fino a Lecco.

La seconda tratta, da Como a Lecco, è la più scenografica e quella che vale realmente i soldi del biglietto. Durante il tragitto, il Lario Express attraversa l’area boschiva su una vecchia linea ferroviaria in disuso, attraversando i comuni di Cantù, Brenna, Anzano Del Parco, Merone, Casletto e Molteno.

La parte più bella, però, è quella dell’arrivo a Lecco, dove si può scorgere il ramo lecchese del lago con i suoi stupendi panorami. Piccolo consiglio: se vuoi goderti meglio il paesaggio, siediti a sinistra del vagone.

Lario express: da Milano a Lecco con  il treno storico
Scompartimento di seconda classe

Biglietti e orari

Il costo dell’intera tratta è di 11 euro a persona. I biglietti sono acquistabili presso gli sportelli, nelle agenzie di viaggio, sul sito Trenitalia e a bordo del treno. I bambini tra 0 e 14 anni viaggiano gratis.

Il treno storico parte alla 8.15 da Milano Centrale, fermandosi alle 9.30 a Como San Giovanni, da dove riparte alle 14 per arrivare a Lecco intorno alle 15.45.

La corsa del Lario Express

leggi anche VARENNA: COSA VEDERE NEL BORGO PIU’ ROMANTICO DI COMO


Informazioni utili per viaggiare sul Lario Express

Il treno è in funzione ogni prima domenica del mese fino ad Ottobre. Per maggiori informazioni sulle date, puoi consultare la locandina.

Noi ci siamo divertiti molto a viaggiare a bordo di questo treno storico e consigliamo questa esperienza a chiunque abbia voglia di passare una domenica diversa dal solito. L’unico inconveniente è stato il forte ritardo accumulato nella seconda parte del viaggio, perchè la locomotiva non riusciva ad andare in pressione e il treno si fermava in continuazione.

Un consiglio che mi sento di darti è di evitare di sederti nelle prime carrozze durante la seconda parte del viaggio, se non vuoi intossicarti con il fumo della locomotiva. Inoltre, ricordati sempre di chiudere i finestrini quando il treno passerà all’interno delle gallerie.

Infine, se abiti fuori Milano non fare una levataccia solo per percorrere tutto il tragitto (come abbiamo fatto noi). Piuttosto, recati con calma a Como e prendi il treno nel pomeriggio per fare l’ultima tratta.


Spero che l’articolo ti sia stato utile. E tu, hai mai viaggiato sul Lario Express? Se ti va, raccontami la tua esperienza lasciando un commento.

8 commenti
  1. Anna
    Anna dice:

    Non ho mai viaggiato sul Lario Express ma mo piacciono molto i treni a vapore, penso sia un modo per raccontare un’Italia che non c’è più! Grazie dell’articolo, sicuramente prima o poi lo prenderò!

    Rispondi
    • Francesca
      Francesca dice:

      Ciao Anna,
      hai proprio ragione, viaggiare sui treni a vapore è un ottimo modo per riscoprire un pezzo di storia del nostro paese!
      Grazie del commento, spero riuscirai a provare questo itinerario 🙂

      Rispondi
  2. Lucy
    Lucy dice:

    Bellissimi i vecchi treni! Ne ho preso uno proprio di recente (pur in una zona diversissima), attraversava ponti di legno e costeggiava un ruscelletto, ma come dici tu non ho pensato al fumo e mi sono seduta nella prima carrozza, affumicandomi come una salsiccia! Però il fascino! Se mai passo in zona mi piacerebbe tantissimo fare questo, sarei persino disposta ad alzarmi presto 🙂

    Rispondi
  3. antonella
    antonella dice:

    ahah prima di arrivare alla fine del tuo articolo avevo già pensato di arrivare a Como e prendere il treno da li. E’ bellissimo e non ne conoscevo l’esistenza, le carrozze anni 30 che trasportavano i feriti di guerra valgono da sole il viaggio. E.. grazie per la dritta del fumo!

    Rispondi
    • Francesca
      Francesca dice:

      Grazie Antonella,
      sì in effetti la storia del fumo era da condividere, noi non lo sapevamo e durante la seconda parte del viaggio ci siamo un po’ intossicati 🙂
      Comunque è davvero un’esperienza molto carina da fare, te la consiglio.

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.