I paesaggi di montagna sono ancora più belli se visti dal finestrino di un treno: scopri gli itinerari su rotaie per esplorare le montagne della Lombardia


Terzo ed ultimo appuntamento con gli itinerari per scoprire la Lombardia. Dopo aver parlato di laghi e città d’arte non poteva certo mancare un articolo dedicato agli itinerari in treno per raggiungere la montagna.

Ci lasceremo guidare dalla ferrovia attraverso i meravigliosi paesaggi della Valchiavenna, per poi raggiungere la mia amata Valtellina. Infine ti mostrerò un itinerario alternativo per andare a caccia di storia e di natura nell’incantevole Valcamonica.

Ti interessa l’articolo? Salvalo su Pinterest!

In montagna con il treno: gli itinerari per raggiungere le montagne della Lombardia

Itinerario montagna della Lombardia in treno (Colico-Chiavenna-Sondrio-Tirano / Brescia-Edolo)

La Valchiavenna e i suoi crotti

Partendo dalla stazione di Milano Centrale prendi un treno che in circa un’ora e mezza ti porterà a Colico, sulla sponde del lago di Como. Da qui dovrai prendere un altro treno in direzione Chiavenna, per raggiungere il cuore dell’omonima valle.

La città è conosciuta soprattutto per i suoi crotti, delle specie di grotte che si sono formate in seguito a delle frane. Al loro interno spira una corrente d’aria originata direttamente dalle montagne, che viene sfruttata per conservare i cibi. Oggi molte di queste meraviglie naturali sono state riqualificate come ristoranti, dove è possibile gustare le specialità gastronomiche della zona immersi in un contesto architettonico unico.

Uno dei caratteristici crotti di Chiavenna

Valtellina, la regina delle montagne della Lombardia

Terminata la visita a Chiavenna, ritorna a Colico e prendi un treno diretto a Sondrio per raggiungere una delle zone più belle della regione: la Valtellina. Chi mi conosce sa che adoro la Valtellina (anche perchè è facilmente raggiungibile in treno 🙂 ) e non posso fare a meno di consigliarla a chiunque mi chieda dove passare una vacanza in montagna in Lombardia.

Una volta a Sondrio fermati giusto un paio di giorni per ammirare il suo centro storico e per riposarti prima di addentarti nella vera essenza del territorio.

Da Sondrio puoi spingerti fino a quello che per me è il posto più speciale delle regione, cioè la zona dell’Alta Valtellina. La città si trova, infatti, a circa mezzora di treno da Tirano, un grazioso paese montano famoso per essere la stazione di partenza del Treno del Bernina.

In montagna con il treno: gli itinerari per raggiungere le montagne della Lombardia

Da Tirano la linea ferroviaria si interrompe, perciò per continuare a spostarti senza macchina dovrai cambiare mezzo. Per fortuna la zona è collegata da una fitta rete di bus che ti permetteranno di raggiungere alcuni punti di interesse come Bormio, con le sue terme e le sue piste da sci, e i meravigliosi paesaggi della Valdidentro. Da quest’ultima potrai raggiungere anche alcune meraviglie naturali, come i famosi laghi di Cancano.

leggi anche COSA VEDERE IN VALTELLINA

Valcamonica in treno, l’altra faccia della montagna

La Valcamonica si trova quasi interamente nella zona del bresciano ed è una delle valli più estese delle Alpi. Il suo territorio è un tconcentrato di piccoli borghi, stazioni termali e alcune tra le montagne più belle della Lombardia.

La zona, però, è famosa soprattutto per il Parco Nazionale delle Incisioni Rupestri, un sito archeologico unico dichiarato addirittura Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Proprio per queste importantissime testimonianze storiche lasciate dai nostri antenati, la Valcamonica viene chiamata anche Valle dei Segni.

Per raggiungere la Valcamonica dovrai recarti a Brescia e prendere la famosa linea Brescia-Iseo-Edolo. La ferrovia attraversa buona parte della valle iniziando da Pisogne, nella punta del Lago d’Iseo, fino ad Edolo.

Oltre ad Edolo, punto di partenza per numerose escursioni nella valle, altre due fermate degne di nota sono quella di Boario Terme e quella di Capo di Ponte, città in cui si trova il Parco delle Incisioni Rupestri.

Se vuoi scoprire altre zone della Valcamonica, da Edolo puoi proseguire in bus fino a Ponte di Legno. Puoi trovare tutte le informazioni sulla linea a questo link.

Il Lago Moro in Valcamonica, foto di Ivan Zanotti Photo by Flickr

Eccoci arrivati alla fine di questa mini avventura in treno alla scoperta della montagna in Lombardia. Spero che gli itinerari che ti ho proposto in queste settimane ti siano piaciuti e ti abbiano ispirato a conoscere più a fondo questa bellissima regione.

Ma adesso dimmi: sei più un tipo da montagna o da mare? Io propendo decisamente per la prima 🙂 Scrivimi nei commenti la tua preferenza, sono davvero curiosa di sapere se la pensi come me.

4 commenti
  1. elisa
    elisa dice:

    Allora, premetto che sono un’appassionata di viaggi in treno quindi il tuo blog è stata una grande scoperta! In particolare questo post mi ha ispirato per la Valchiavenna che, con i suoi grotti, mi attira moltissimo e sono felice sia raggiungibile in treno! La Valtellina la conosco e confermo, in effetti, che vale veramente la pena visitarla!

    Rispondi
    • Francesca
      Francesca dice:

      Ciao Elisa
      Grazie mille, sono molto contenta che il tema del mio blog ti piaccia 😊
      La Valchiavenna è una zona relativamente poco conosciuta, ma che secondo me merita molto. Chiavenna, poi, è davvero un paesino delizioso, penso che a breve ci scriverò un articolo.

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.