Ti piace l'articolo? Condividilo!

Informazioni utili per visitare l’ossario di Sedlec, la macabra cripta di ossa umane nella storica città di Kutna Hora, a pochi chilometri da Praga.


L’ossario di Sedlec è una piccola cappella sottarrenaea decorata con i resti umani di circa 40.000 corpi sepolti nel cimitero della vicina chiesa.

Si trova nella storica città di Kutna Hora, e ogni anno attira centinaia di curiosi visitatori da tutto il mondo.

visita all'ossario di Sedlec, la cappella di ossa umane di Kutna Hora

Come arrivare all’ossario di Sedlec

Sedlec si trova a circa 70 km da Praga ed è raggiungibile comodamente con un viaggio di 50 minuti in treno fino alla stazione di Kutna Hora. Dalla stazione, si può scegliere di proseguire in autobus o a piedi. Nel secondo caso si tratta di una passeggiata di 10 minuti lungo il viale Novodvorská, per poi girare a sinistra in via Zámecká.

Storia

Secondo una leggenda, nel IIIX secolo l’abate del monastero circestense dal quale la chiesa dipendeva, venne mandato a Gerusalemme per volere dell’allora re di Boemia. Al suo ritorno, il monaco sparse nel cimitero della chiesa del terriccio che aveva raccolto sul Golgota. Il fatto suscitò molto interesse e da allora diverse persone cominciarono a voler seppellire i propri cari proprio in quel cimitero.

Nel corso del tempo cominciarono ad accumularsi molti corpi, specie intorno al 1400 quando la peste nera e le crociate contro gli Hussiti causarono un notevole incremento delle morti. Alla fine, i monaci furono costretti a costruire un ossario per accatastare i resti dei vecchi corpi e fare spazio alle nuove sepolture.

L’ossario di Sedlec venne dapprima restaurato in stile gotico-barocco nei primi anni del 1700 dall’architetto boemo Jan Blažej Santini Aichel. Ma fu solo nel 1870 che František Rint, maestro intagliatore a servizio del casato degli Schwarzenberg, ebbe l’idea di riutilizzare i resti dei circa 40.000 scheletri per abbellire la cripta. Così le ossa furono pulite e disinfettate e vennero assemblate tra loro per dare vita alle macabre sculture che riempiono la cappella.

leggi anche PRAGA ALTERNATIVA: IDEE INSOLITE PER VISITARE LA CITTA’

Visita all’ossario di Sedlec

Sulla soglia è presente un grande crocefisso composto di ossa. Scendendo le scale che portano alla cripta, in due nicchie, si trovano invece dei calici composti da teschi e ossa lunghe, con tanto di decorazioni annesse.

All’entrata della cappella sono presenti due grosse cataste di ossa disposte a formare delle arcaiche piramidi con davanti lo stemma della casata Schwarzenberg. Poco distante c’è anche una scritta ossea che riporta l’anno in cui è stata realizzata l’opera e il nome del bizzarro artista.

Al centro della sala, vicino al piccolo altare, si trovano quattro candelabri adornati con dei teschi che stringono altre ossa tra le mascelle. Sopra di essi, il pezzo forte dell’inquietante “collezione”: un enorme lampadario costituito da tutte le ossa che compongono un corpo umano.

Informazioni utili

ORARI: l’ossario di Sedlec è aperto tutti i giorni (a parte il 24 dicembre), dalle 9.00 alle 17 da ottobre a marzo, e dalle 9.00 alle 18.00 da aprile a settembre.

PREZZI: il costo del biglietto intero per la sola visita all’ossario è di 90 CZK (circa 3,5 euro) e di 60 CZK (circa 2,5 euro) per studenti, anziani, bambini e disabili. La biglietteria si trova all’infopoint davanti alla cripta, che funge anche da piccolo negozietto di souvenirs. Per maggiori informazioni potete consulate il sito del turismo di Sedlec.

Per chi vuole vivere un’esperienza davvero unica, in estate è possibile partecipare ad un tour notturno. La gita comprende la visita guidata all’ossario e alla Chiesa di Nostra Signora .

Noi abbiamo visitato l’ossario nell’agosto del 2015 e, purtroppo, non abbiamo potuto godere appieno della sacralità del luogo, poichè la cripta, già abbastanza piccola di suo, era invasa dai turisti. Sicuramente è un’attrazione unica nel suo genere, che vi consiglio di non perdere se vi trovate in zona, e che vi lascerà certamente affascinati (o inorriditi), se non altro per l’originalità dell’idea.


Spero che l’articolo ti sia piaciuto. E tu, hai mai visitato l’ossario di Sedlec? Cosa ne pensi di questa controversa opera? Se ti va, fammi sapere la tua opinione lasciando un commento.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.